Centro Studi Malfatti

… altro che palle, Leopolde e cazzate varie …

Immagine anteprima YouTube

(Danilo Stentella)

Maurizio Landini dimostra che esiste ancora politica e dignità, persino dentro al sindacato, ponendosi come figura di riferimento di ciò che resta della sinistra democratica. Ieri Landini ha spodestato Matteo il Magnifico, o lo Splendido. Era in prima fila, con i lavoratori dell’AST di Terni, a rischiare personalmente, svolgendo con coraggio e fino in fondo il ruolo che ha scelto. L’Italia ha ancora qualche speranza di rinascere dalle ceneri nella quale l’hanno cacciata decenni di asservimento agli interessi “superiori” della finanza internazionale. Personalmente mi ha fatto male vedere dei poveracci in divisa blu picchiare altri poveracci, in tuta blu, senza motivo. E se dobbiamo essere anche picchiati, noi che mandiamo avanti ciò che resta di quella che un tempo era Italia …

 

Claudio Ricci, Presidente onorario UNESCO Italia, sull’area industriale di Papigno

Il Sindaco di Assisi, Claudio Ricci, Presidente onorario di UNESCO Italia, ha rilasciato una intervista al nostro centro studi sulla questione della conservazione e valorizzazione dell’area dell’ex elettrochimico di Papigno, di grande interesse archeoindustriale, con notevoli capacità di produrre ancora reddito per la città. Di seguito pubblichiamo un estratto, a breve la versione integrale della interessantisima riflessione sollecitata dal nostro collaboratore Claudio Pace. Claudio Ricci e la sua giunta assisiate è stato l’artefice del coraggioso recupero del paraboloide Nervi di Assisi.

Immagine anteprima YouTube

Continua a leggere

Convegno “Industria e società durante la Grande Guerra”

Download (PDF, 1.14MB)

Con l’intervento del Dottor Aldebrano Micheli, Heritage Manager del Centro Studi Malfatti.

Sanzioni a Mosca, un boomerang

gas

di Mario Lettieri e Paolo Raimondi

(da: www.societàlibera.org)

Le sanzioni contro la Russia per Washington hanno una valenza soprattutto geopolitica. È il ritorno alla guerra fredda tra le due superpotenze. Per l’Unione europea, invece, esse rischiano di creare dei grandi disastri economici e politici per l’intera area euro-asiatica. La mancanza di «personalità internazionale» dell’Europa è purtroppo nota. Con il suo indebolimento economico, l’Europa rischia anche di sottomettersi a un nuovo atlantismo. Ciò farebbe piacere a Washington. Le sanzioni, di fatto, mortificano il ruolo indipendente dell’Ue e ogni sua autonoma visione strategica degli assetti geopolitici da realizzare. Continua a leggere

Sostienici!

Social

facebooktwitterGoogle+youtube

Canale You Tube

Sergio Dotto

L'acqua motore dell'industria

L'acqua motore dell'industria

Aldebrano Micheli

Aldebrano Micheli

La Regia Fabbrica d'Armi di Terni e le sue Armi

Danilo Stentella

Danilo Stentella

L'azienda elettrica del Comune di Terni

Per informazioni: Libreria Alterocca, tel. 0744/409201, corso Tacito 20, Terni, libreria.alterocca@gmail.com

Call for papers

Call for papers

Inviaci i tuoi articoli

Blogroll

Terni Archeologia Industriale

www.archeologiaindustriale.org

La storia delle idee

La storia delle idee e la storia delle azioni corrono su binari paralleli che raramente si incontrano, restituire un'anima alla politica significa restituirle la forza delle idee, liberarla da quel preoccupante abbraccio con le lobbies economico finanziarie che, palesatosi dalla fine degli anni 80, ha portato in breve il sistema politico italiano alla tragica Caporetto di Tangentopoli, e alle disfatte odierne. Compito degli intellettuali è quello di individuare i nessi tra economia ed etica, di mediare tra il darwinismo sociale del laissez faire e il totalitarismo politico sociale dello stato, tenuto conto del fatto che comunque uno stato sano non sarà mai uno stato minimo. Una società non può esistere senza che vi si inserisca in qualche punto in freno della volontà e degli appetiti sfrenati. Occorre tornare alla guida delle idee, abbandonare i tecnicismi tattici della politica odierna, riappropriarsi della capacità progettuale che fu una delle risorse d'eccellenza della cosiddetta Prima Repubblica.