Ferruccio Parri

Ferruccio Parri, nato a Pinerolo (TO) nel 1890, professore di lettere, giornalista.

Durante il conflitto 1915-18 è ferito quattro volte al fronte, merita due promozioni sul campo e tre decorazioni, è associato all’ufficio operativo del comando supremo dell’esercito. Insegnante al Liceo Parini di Milano, redattore del Corriere della Sera. Aderisce a Giustizia e Libertà e nel ’26 con Carlo Rosselli organizza l’espatrio clandestino del leader socialista Filippo Turati. Più volte arrestato e confinato a Ustica e Lipari, rifiuta la domanda di grazia.
Nel 1930 è nuovamente assegnato al confino per 5 anni unitamente ad altri esponenti del movimento antifascista Giustizia e Libertà. Promotore del Partito d’Azione (PdA), partecipa alla Resistenza con il nome di battaglia di Maurizio e rappresenta il PdA nel Comitato Militare del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI).


E’ poi nominato vice comandante del Corpo Volontari della Libertà. Arrestato casualmente a Milano e affidato ai tedeschi viene trasportato in Svizzera nel quadro di uno scambio concordato di prigionieri con ufficiali germanici nelle mani dei partigiani.
Partecipa attivamente alla fase conclusiva della Resistenza e all’insurrezione di Milano. Nel 1945, dopo la Liberazione e la crisi del III governo Bonomi, diviene Presidente del Consiglio dei Ministri di un Governo di unità nazionale composto da democristiani, comunisti, socialisti, azionisti, liberali e demolaburisti. Parri è Presidente del Consiglio dal giugno al novembre del 1945, viene osteggiato dai democristiani e liberali, per alcuni dei quali è “Fessuccio Parri” in quanto, terminata la lotta al fascismo, propone una guerra senza quartiere alla mafia, che ne provocano la caduta a cui segue l’assunzione della guida dell’esecutivo da parte del democristiano Alcide De Gasperi.


Al momento della crisi del Partito d’Azione, nel marzo del ’46 crea, con Ugo La Malfa, anch’egli ex azionista, il piccolo partito della Concentrazione Repubblicana che confluisce, poi nel Partito Repubblicano Italiano (PRI).
Nel ’46 viene eletto deputato della Costituente, nel ’48 senatore. Parri esce dal PRI nel 1953 in opposizione alla nuova le legge elettorale con premio di maggioranza (la cosiddetta “legge truffa”) dando vita, con il giurista ed ex azionista ed ex parlamentare socialdemocratico Piero Calamandrei, al movimento di Unità Popolare che contribuisce (seppur con pochi voti) al fallimento della legge elettorale voluta dal Ministro degli Interni Mario Scelba (DC).


Eletto senatore nelle liste del PSI nel 1958, nel 1963 il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat (PSDI) nomina Ferruccio Parri senatore a vita. Aderisce al gruppo al gruppo della Sinistra Indipendente di cui è a lungo presidente e diventa direttore della rivista Astrolabio.
Presidente della Federazione Italiana Associazioni Partigiane (FIAP), è autore di importanti saggi sulla storia della Resistenza. Muore a Roma nel 1981.

Sostienici!
Social
facebooktwitterGoogle+youtube
Canale You Tube
Message from server: Forbidden. Check in YouTube if the id UCoAdDYmBbxjmDwu9XOeH06w belongs to a user. To locate the id of your user check the FAQ of the plugin.
Sergio Dotto
Sergio Dotto

L'acqua motore dell'industria

Aldebrano Micheli
Aldebrano Micheli

La Regia Fabbrica d'Armi di Terni e le sue Armi

Danilo Stentella
Danilo Stentella

L'azienda elettrica del Comune di Terni

Per informazioni: Libreria Alterocca, tel. 0744/409201, corso Tacito 20, Terni, libreria.alterocca@gmail.com
Call for papers
Call for papers

Inviaci i tuoi articoli

Blogroll
Blogroll

www.archeologiaindustriale.org

La storia delle idee

La storia delle idee e la storia delle azioni corrono su binari paralleli che raramente si incontrano, restituire un'anima alla politica significa restituirle la forza delle idee, liberarla da quel preoccupante abbraccio con le lobbies economico finanziarie che, palesatosi dalla fine degli anni 80, ha portato in breve il sistema politico italiano alla tragica Caporetto di Tangentopoli, e alle disfatte odierne. Compito degli intellettuali è quello di individuare i nessi tra economia ed etica, di mediare tra il darwinismo sociale del laissez faire e il totalitarismo politico sociale dello stato, tenuto conto del fatto che comunque uno stato sano non sarà mai uno stato minimo. Una società non può esistere senza che vi si inserisca in qualche punto in freno della volontà e degli appetiti sfrenati. Occorre tornare alla guida delle idee, abbandonare i tecnicismi tattici della politica odierna, riappropriarsi della capacità progettuale che fu una delle risorse d'eccellenza della cosiddetta Prima Repubblica.