A distanza di cinque anni dalla nostra denuncia sullo stato di abbandono del Convento di Colle dell’Oro, struttura adibita per molti anni a casa di riposo, nulla è stato fatto. Le foto attuali ci mostrano come la già critica situazione di allora è notevolmente peggiorata.

Il crollo del tetto ha portato al decadimento del piano ultimo, le continue infiltrazioni d’acqua hanno causato danni anche ai piani inferiori. Ben poco è rimasto ormai dei bellissimi affreschi presenti nell’antico refettorio monastico. Per non parlare dello stato di abbandono dell’intero parco .

Il Comune negli scorsi anni ha ripetutamente tentato una vendita all’asta dell’immobile, ma il notevole degrado, insieme ad un prezzo di vendita troppo elevato, soprattutto in un momento di crisi, non hanno consentito di trovare un acquirente.

Il degrado della parte conventuale sta addirittura compromettendo la staticità della canonica, recentemente restaurata, causando nuove infiltrazioni meteoriche e la inabitabilità della casa parrocchiale, ormai abbandonata dal parroco.

Ancora un esempio di cattiva gestione di un pregevole patrimonio immobiliare e artistico di proprietà del Comune di Terni, che non è addebitabile certamente solo alla presente gestione della giunta Di Girolamo, fortemente limitata nella capacità di spesa da debiti, patto di stabilità, crisi e da una cronica incuria che data negli anni.

Colle dell'Oro01

Colle dell’Oro

Continua a leggere

Condividi